La Moda anni ’20

Gli anni ’20 sono gli anni ruggenti, quelli del dopoguerra: un momento di rinascita in cui si cerca di mettere fine alle ristrettezze.
Le donne, abbandonate da marito e figli partiti per la guerra, entrano di fatto nel mondo del lavoro, anche in settori, di solito riservati agli
uomini. Per questo la moda si fa più comoda e nascono così le flappers girls, le ragazze emancipate, che si iscrivono all’università, che fumano, bevono cocktail e fanno sport.

Le caratteristiche della moda degli anni ’20:
• Le curve spariscono
• Il taglio dei vestiti è dritto
• Gli abiti sono scollati
• I tessuti sono leggeri
• Le gonne si accorciano al ginocchio
• Nascono i primi pantaloni da donna
• Il reggiseno serve per nascondere il seno
• I capelli sono corti, alla Garçonne
• Il trucco è deciso, con la bocca disegnata a cuore vermiglio
• Le scarpe del momento sono le Mary Jane, la scarpa in vernice nera a punta tonda con cinturino e tacco medio

Gli accessori più usati:
• Il cappello a forma di Cloche (campana)
• Stole
• Fili di perle
• Piume
• Lustrini e paillettes
Gli abiti da ballo:
Comodi, pratici e perfetti per ballare il Charleston, il ballo del momento. Sono leggeri, scollati e non segnano la vita. Le gambe, ormai scoperte per lla nuova lunghezza degli abiti, sono nascoste da strategiche frange.